Ragusa Turismo
 
  Home | Struttura | La Provincia | Contatti 

 
 Settore Turismo
  Struttura
  Normative
  Regolamenti
  Incentivi
  Foto e Marchi
  Statistiche
  Proloco
  Guide turistiche
 
 Muoversi in
  Macchina
  Treno
  Autobus
 
 La provincia
  Storia
  Dormire
  Mangiare
  Divertirsi
  Sport
  Arte e Cultura
  Porti Turistici
  Manifestazioni
 
 Itinerari
  Tematici
  Centri storici
 

 

   
Un po' di storia

La civiltà della cava 

La provincia di Ragusa colpisce per le sue connotazioni di antichità e peculiarità dei luoghi.
E si rimane stupiti the l'istituzione della Provincia risalga appena al 1926. In realtà, i dodici Comuni che ne costituiscono il territorio e che fino ad allora formavano il circondario di Modica in provincia di Siracusa appaiono tutti legati, con alterne vicende di scorpori e riannessioni, alla storia della prestigiosa contea di Modica dei Chiaramonte e dei Cabrera che dal XIV secolo fu Stato nello Stato per le ampie autonomie che godette. Fortissima fu in essa l'unità culturale per il dialetto unico in Sicilia e per la presenza di una piccola nobiltà e di una borghesia rurale diffusa di piccoli proprietari e fittavoli: questi ultimi trasformarono l'altopiano ibleo insediandovi aziende allevatrici cerealicole, le "masserie", e disegnandolo con una fitta ragnatela di muretti a secco costruiti per consentire la rotazione agraria e il pascolo semibrado di una razza bovina particolarmente rustica e versatile: la "Modicana".

L'idea del conte Cabrera

Fu un'idea felice quella del conte Cabrera, a metà del Quattrocento, di assegnare in enfiteusi ai sudditi le terre dell'altopiano affinchè le dissodassero, dietro il pagamento di un modico canone in frumento (censo), e così reperire le dodicimila salme di grano che aveva il privilegio di esportare in franchigia. Da qui l'esplosione demografica della contea, con la forte crescita urbana di Ragusa e Modica, la successive colonizzazione della pianura di Bosco Piano e la fondazione di Vittoria da parte dell'ultima erede dei Cabrera, Vittoria Colonna. Di questo periodo di grande sviluppo ci restano testimonianze architettoniche tardogotiche, e in particolare splendidi portali a Scicli nel convento della Croce, a Modica nella chiesa di Santa Maria del Gesù, e a Ragusa nel portale del San Giorgio vecchio e un'intera navata della chiesa di Santa Maria delle Scale.
Le caratteristiche della provincia sono, quindi, determinate dalla contea e dall'altopiano ibleo, la "piana" come viene chiamato. Si tratta di un tavolato calcareo triangolare che ha il vertice a nord e la base a sud, in direzione del Mediterraneo, diviso a sue volta dal profondo solco del fiume Irminio, in piana di Modica e piana di Ragusa.

Il terremoto del 1693

La dislocazione dell'innalzamento calcareo di oltre 500 metri divide nettamente l'altopiano dalla pianura di Comiso e di Vittoria, di cui fan parte anche i territori di Acate e buona parte di quello di Chiaramonte. E così accanto il territorio della provincia può dividersi in tre zone: la piana di Vittoria, la zone collinare di cui fanno parte i comuni di Giarratana e Monterosso Almo e la zona dell'altopiano che comprende i Comuni di Ragusa, S. Croce Camerina, Modica, Scicli, Ispica e Pozzallo. In quest'ultima, il tavolato calcareo appare uniformemente interessato dall'erosione valliva: le "cave", che hanno dato luogo, fin dalla preistoria, a insediamenti rupestri la cui cultura è stata definita "civiltà della cave". Ne furono iniziatori i Siculi che parecchi secoli prima della colonizzazione greca vi si arroccarono alla confluenza dei corsi d'acqua. Cava d'Ispica, con i suoi 15 kin. di grotte, testimonia il persistere di tale civiltà fino al terremoto del 1693. I ruderi di questa singolare Pompei siciliana ci dicono come "civiltà della cava" e sistema feudale si fossero fusi lungo il Medioevo.
Il terremoto del 1693 sconvolse dalle fondamenta questo mondo, ma mentre Ispica, una parte di Ragusa e Giarratana cercarono una migliore posizione rispetto al territorio e alle vie di comunicazione, Modica e gli altri centri della contea furono ricostruiti nell'antico sito. Ciò non produsse tanto una differenziazione di ordine urbanistico, ma si rivelerà alla lunga determinante per le prospettive del futuro sviluppo.

Le acropoli barocche

Urbanisticamente, infatti, il terremoto non produsse una nuova concezione dello spazio, ma permise, con la ricostruzione, di dispiegare in tutta la sua potenzialità la volontà di monumentalità e di rappresentatività che la visione barocca aveva cercato di affermare nel corso del Seicento contro i condizionamenti delle precedenti persistenze, creando spesso, secondo la felice intuizione di Vittorini, suggestive "acropoli barocche" dominate ora non più dai vecchi castelli, ma dalla mole grandiose delle nuove matrici. Così è a Scicli, con la chiesa di San Matteo; così a Modica e a Ragusa, con le due chiese di S. Giorgio. Tutte e tre unite dal singolare destino di rappresentare l'ultimo canto del cigno della parte perdente nelle lotte tra fazioni, in parte religiose, in parte sociali e politiche, che divisero le tre città con conseguenze notevoli sulla ricostruzione.
A Scicli, la ricostruita Matrice di San Matteo verrà addirittura abbandonata insieme agli insediamenti rupestri del colle, e il paese subirà un leggero scivolamento a valle seguendo la posizion della nuova matrice di Sant'Ignazio.
A Modica le nuove direttrici di espansione che privilegiano il fondo valle saranno, seguite dalla nuova nobiltà aggregata attorno alla rivale parrocchia di San Pietro.
A Ragusa, infine, la più antica nobiltà dei Sangiorgiari, decidendo di ricostruire la città nell'antico sito, entrerà in contrasto violento con i "massari Sangiovannari, i quali, guidati da capi sagaci, esponenti della nuova nobiltà sortita dalla borghesia degli enfiteuti costruirà sulla vicina "spianata del Patro" la nuova città a pianta ortogonale attorno alla chiesa di San Giovanni Battista, opera, quest'ultima, di quegli stessi capi mastri Mario Spata e Rosario Boscarino autori del San Pietro di Modica. Ed è comprensibile che i piu colti e raffinati Sangiorgiari ad essi contrapponessero Rosario Gagliardi, prestigioso architetto del Val di Noto, che progettò a Ragusa nel 1744 il suo capolavoro, soprattutto per l'armoniosa soluzione della facciata-torre di cui il San Giorgio di Modica rappresenta l'esito più scenografico.
Ma mentre con l'"attaccamento" alla cave, Modica si precluse la prospettiva di un migliore sviluppo, la scelte di une parte della popolazione di Ragusa, di fondare une nuova città, si rivelerà particolarmente felice, trovando un nuovo più produttivo rapporto col territorio, per la maggiore facilità di collegamento e una maggiore vicinanza alle risorse minerarie che verranno successivamente scoperte: l'asfalto nel 1849 e il petrolio nel 1953.
Ragusa ha, quindi, vissuto l'esperienza di entrambe le scelte: quella di continuare i modi di vita della civiltà della cave e quella di correre l'avventura della conquista di nuovi rapporti col territorio della "piana".
lnfine, negli ultimi decenni, tutta la zona costiera ha visto la formazione di una agricoltura specializzata di straordinaria importanza, quella dei primaticci in serre, di cui Vittoria è diventata il massimo centro di produzione nazionale.

Last news

:: Circolare Reg.le riguardante le "Professioni turististiche"
:: MODULISTICA RICLASSIFICA 2012/2016 STRUTTURE RICETTIVE
:: Scopri gli itinerari scelti dal cast del commissario Montalbano lungo l'intera provincia Iblea.
Normative:

Regolamenti:

Incentivi:

 

Provincia Regionale di Ragusa - Settore Turismo
Viale del Fante - 97100 Ragusa - Italy
Tel: +39.0932.675353